TESTIMONIANZE

CATEGORIE DELLE TESTIMONIANZE:
Fumatori (25)
Ex-Fumatori (94)
Fumatori ammalati (6)
Famigliari/Amici di un fumatore (3)

Donne (50)
Uomini (67)
Giovani al di sotto dei 18 anni (8)

Dipendenza/astinenza (14)
Tentativi di smettere (24)
Ricadute/fallimenti (8)
Motivazioni/benefici dell'aver smesso (35)

Metodi per smettere (31)
Sostituti della nicotina (6)
Zyban (3)
Aiuto psicologico/sostegno/solidarieta (13)

Sensazioni di privazione (8)
Angoscia/depressione (5)
Problemi di peso (8)

Malattie/Rischi (8)
Cancro (3)
Malattie cardiovascolari/infarto (3)
Problemi respiratori (7)
Impotenza sessual ()

Pillola contraccettiva (1)
Bellezza/gravidanza/bambini (1)
Sport (4)

Politica e industria del tabacco (2)
Additivi ()
Spinello e tabacco (1)

Fumo passivo (8)

Per scrivere la vostra testimonianza


Famigliari/Amici di un fumatore:


Votate questa testimonianza:
(da 1=Poco interessante a 10=Molto interessante)
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Votazione media: 5 (2145 votes)
giovanni (43 anni) - italiana - 13 Agosto 2006

"Scrivo per portare la mia testimonianza a tutti coloro che provano in tutti i modi a smettere di fumare senza pero`riuscirci. Ho iniziato a fumare all'eta' di quattordici anni, nel corso degli anni ho provato a smettere due volte, entrambi i tentativi falliti, probabilmente non avevo motivazioni sufficienti e non ero neppure molto convinto. Il 17 marzo del 2004 alle ore 12,00 mi e' stato comunicato dal medico famiglia, che a mia moglie era stato diagnosticato un cancro ai polmoni. i medici dissero ad entrambi che l'imperativo era smettere di fumare, mia moglie per ovvi motivi, io, sia per preservare il mio stato di salute, sia per aiutare mia moglie.Sono stato accanto a mia moglie ogni istante, sia durante le sue permanenze in ospedale per effettuare i cicli di chemioterapia e quanta'altro sia a casa per accudirla e sostenerla psicologicamente. Ho visto mia moglia, la persona che piu' ho amato in vita mia e che amo ancora, consumarsi giorno dopo giorno tra dolori inimmaginabili e lotte senza frontiere nel tentativo di sconfiggere un male che pero' non gli ha lasciato scampo.Mia moglie e' deceduta il 20 Luglio 2005 alle ore 19,17. Oggi mi ritrovo a guardare i volti dei mie tre figli, quando mi pongono quesiti ai quali non posso rispondere perche' risposte non ci sono, oppure perche' eventuali risposte farebbero troppo male a tutti noi.Mi ritrovo a quardare i loro volti quando vorrebero dire tante cose ma non pronunciano una sola parola. Mi ritrovo a guardare dentro di me e chiedermi perche' abbiamo dato la possibilita' a questo male di distruggere le nostre esistenze.Il messaggio che voglio dare e' che nessuno di noi si deve sentire immune da queto male o indistruttibile o troppo forte etc.... La nostra salute, le persone che ci amano, che contano su di noi, i progetti che insieme abbiamo fatto e che desideriamo realizzare per noi e per la nostra famiglia,tutto cio' e altro ancora ha infinitamente piu' valore di qualche sigaretta. Non diamo alla morte la possibilita' di portarci via tutto.Io non ho piu' ripreso a fumare, probabilmente perche' ho le motivazioni che cercavo un tempo "l'amore per la mia famiglia". "


ALTRE TESTIMONIANZE:

Fabio giovanni Nadia